|  Accedi  |  
Ricerca:Search:
Seleziona tipo di ricerca
 
  • Sito regionale
  • Web
Search
Sei in:You are in:  Ambiente > Natura > Infrastruttura verde
Infrastruttura verde
+ Aree floristiche
Boschi peri-urbani
Parchi e riserve
Natura 2000


 

Infrastruttura verde

  

Così come pianifichiamo attentamente la realizzazione delle infrastrutture essenziali per lo sviluppo della nostra società – strade, linee elettriche, acquedotti - è necessario imparare, programmare ed investire anche nelle nostre foreste, fiumi, praterie...



La natura costituisce infatti un supporto che è “Vitale” per il benessere della nostra società.

Le aree naturali o semi-naturali, oltre ad essere fondamentali per la vita delle specie selvatiche garantiscono infatti il mantenimento dei processi ecologici essenziali: sostengono i sistemi di purificazione dell'aria e dell'acqua e contribuiscono alla salute ed alla qualità della vita dei cittadini.

Occorre quindi operare per garantirci nel tempo i servizi offerti dalla natura vista quindi anche quale infrastruttura essenziale per il futuro ed il benessere di tutti i cittadini. Una Infrastruttura Verde (Green Infrastructure) in cui investire, analogamente a quanto viene fatto per le vie di comunicazione, per gli elettrodotti o per le reti fognarie.

In tal senso un primo passo è rappresentato dalla realizzazione della Rete Ecologica delle Marche i cui presupposti e caratteristiche sono già oggetto di una attento studio da parte della Regione.

La funzionalità della Infrastruttura verde regionale (riconosciuta quale strumento programmatico fondamentale nell'ambito del Programma Triennale Aree protette 2013-2015 - D.A.C.R. 68 del 26 marzo 2013) è oggi garantita, oltre che dalla matrice di fondo rappresentata dalle aree a moderato sviluppo agricolo che, nelle Marche, occupano comunque una vasta superficie, dall'articolato sistema idrografico formato dai fiumi, torrenti e laghi, nonché dalle foreste e praterie, dalle aree floristiche protette, dai parchi urbani e peri-urbani e dalle oasi faunistiche provinciali. In tali aree occorre quindi investire anche per promuovere nuove occasioni di lavoro e sviluppo, in linea con l’antica tradizione rurale marchigiana.

I nodi di fondamentali dell'Infrastruttura Verde Regionale sono invece rappresentati dai Parchi nazionali e regionali, dalle Riserve Naturali, dai siti della Rete Natura 2000, dalle Foreste Demaniali, dai Parchi peri-urbani e dalle Aree Floristiche, in cui l'ambiente presenta un elevato indice di naturalità e quindi di funzionalità.

Analogamente vanno fatti tutti gli sforzi necessari per promuovere, a beneficio della collettività regionale e di tutti i visitatori della nostra regione modalità attente e sostenibili di fruizione del territorio: dall'organizzazione di una rete di percorsi della mobilità dolce (escursionistici, ciclabili, ippici) alla scoperta attenta dei beni e dei valori culturali del territorio, all'attivazione di processi di certificazione ambientale come quelli previsti per la Carta Europea del Turismo Sostenibile (C.E.T.S.).